Marion lost her father to the “German New Medicine” of Ryke Geerd Hamer

Anaximperator blog

Marion Piat, who lost her father to the German New Medicine of Ryke Geerd Hamer, has decided to tell her story and start a blog to warn people for this dangerous sect. We have translated her story and posted it here:

“It started in October 2007 when my father was on a mission in Guatemala. One morning he was no longer able to urinate, a kidney stone blocked the bladder: emergency operation. The urologist who operated on him noticed the prostate had an abnormal shape and appearance. Following were: biopsy, blood tests, pessimistic diagnosis, prostate cancer.

View original post 1,307 more words

La Kuan della LAV Persevera nell’Errore

Sarebbe molto interessante se la Dott.ssa Kuan potesse chiarirci come, 50 anni fa, si sarebbe potuto studiare su cellule umane in vitro qualcosa che neanche oggi è possibile fare. Certo, sarebbe bello poterlo fare, così come sarebbe bello avere il teletrasporto e non dover dipendere dal petrolio per la produzione di energia ma bisognerebbe essere capaci di distinguere tra la realtà e l’auspicabile fantasia

La Kuan della LAV Persevera nell’Errore.

Articolo da leggere interamente, sia nello specifico sia per comprendere il modo in cui si porta avanti un ragionamento nel dibattito scientifico. Cosa che, evidentemente, è sconosciuta perfino ad alcuni medici

Dubbio made in Italy

Dubbio made in Italy

Non ho veramente voluto nulla di tutto questo. Non sono qui per godermi i vantaggi dell’emigrazione. Non mi godrò mai nulla fino in fondo, starò semplicemente qui, in piedi, a sudare, a ricordarvi con la mia lontananza di avere dei rimpianti. Per tutto quello che di bellissimo mi avete tolto. Per tutto quello che avrei potuto fare, essere, avere a casa mia. E anche se qua andrà tutto per il meglio, non sarò mai a casa, e questa lingua non sarà mai mia come tutte queste nuvole.

Ma non ve ne fregherà nulla. Mai. Forse un giorno. Quando le vostre città in macerie puzzeranno di vecchio, e sentirete finalmente la mancanza di tutti quei ragazzi che avete mandato via a calci. Perché credo che sia tutta colpa vostra, di nessun altro. Nessun politico, nessun amministratore, nessun potente ha più colpa di voi. Di noi. Perché mi sento responsabile di questa catastrofe tanto quanto lo siete voi. È ora di ammettere che abbiamo fallito. E che il nostro mondo è crollato. E io non sono che una scheggia andata a infrangersi da qualche altra parte

Il trionfo dell’irrazionalismo

standing ovation

oggettivista

Se scoppia una bomba artigianale, c’è sicuramente dietro un Grande Vecchio che vuole distrarti dai suoi piani di dominazione mondiale. Se c’è un terremoto è sicuramente causato da un qualche misterioso esperimento americano. Se c’è un esecutivo che non ti piace, vuol dire certamente che è un burattino dei poteri forti. Se c’è uno Stato che ti preleva più del 50% in tasse, vuol dire che alle spalle dello Stato agiscono poteri occulti, massonici, sionisti e/o americani. Benvenuti nell’Egitto dei Fratelli Musulmani? No. Nell’Iran degli ayatollah? Nemmeno. Nell’Afghanistan dei Talebani? Neppure. Benvenuti in Italia, ormai dominata dal pensiero irrazionale. Se il nostro “Bel Paese” va a rotoli, una qualche ragione c’è. E la prima è proprio questo irrazionalismo opprimente, soffocante, dilagante, che annebbia le menti e intasa Internet di leggende metropolitane.

E’ un pensiero trasversale, che ha impestato destra e sinistra, come un’epidemia. Il destro straparla di grandi vecchi finanziari…

View original post 1,740 more words